Cerca nel blog

Aforisma del giorno

I DISAGI EMOTIVI CI PARLANO - PARTE I

Non vi preoccupate, non sono impazzito! Comprendo che il titolo è un po' strano, quindi la domanda che sorge spontanea è la seguente: "In che senso i disagi emotivi ci parlano? Cosa ci 'dicono' per esempio la depressione, l'ansia, gli attacchi di panico, l'insicurezza, ecc...?


Prima di rispondere è necessario fare una premessa: il disagio emotivo non è di per sé stesso il problema, è come una spia luminosa che lampeggia in caso di problema. Se la spia dell'olio della tua auto lampeggia, cosa fai, cambi la spia o rabbocchi l'olio?

Perciò il disagio, ripeto, non è il problema, che ne sia la causa di altri concomitanti può anche starci, ma il vero problema si trova nel profondo, nel nostro intimo. E' un po' come la punta dell'iceberg, sai di certo che la massa maggiore si trova al di sotto della superficie dell'acqua.

Prendiamo in rassegna insieme alcuni 'messaggi' che ci lanciano i disagi.

La depressione ci dice che dobbiamo correre ai ripari perché c'è, con molta probabilità, un problema di dipendenza e di autostima. Dietro la depressione c'è anche un sentimento di perdita che può risalire all'infanzia (perdita di un genitore, dell'affetto, ecc...) ed amplificato nella vita da adulti.

Per esempio, ti è mai capitato di reagire ad una situazione in modo sproporzionato, forse sorprendendoti per la tua stessa reazione negativa? Probabilmente è presente un legame emotivo antico e non ancora risolto.

E' necessario porti delle domande introspettive, che scrutino il profondo di te stesso del tipo:
  • Perché ho questo disagio?
  • Da cosa derivano i sintomi?
  • Cosa significa tutto ciò?
  • Quali messaggi mi sta lanciando la depressione?
  • Gli altri cosa si aspettano da me personalmente?
  • Cosa mi aspetto o pretendo da me stesso?
  • Qual è la mia linea d'azione, cosa devo o non devo fare?
Cercando delle risposte a queste domande scrutative poni già un buon fondamento verso la guarigione, le nostre risorse interiori sono sorprendenti!

Durante la terapia ho scoperto di avere risorse delle quali non immaginavo nemmeno l'esistenza, mentre di quelle delle quali ero già cosciente sono riuscito ad amplificarle o ad usarle in modo differente. Sfrutta le risorse che hai in te!

Per la guarigione vera e propria molte volte può essere indispensabile un aiuto da parte di un professionista che possa fare emergere le tue potenzialità.

Le prossime volte scriverò altri articoli circa i 'messaggi' che ci inviano i disagi emotivi. Alla prossima... mi raccomando ti aspetto!

Tu come hai vinto un tuo disagio? Scrivilo pure, può essere d'aiuto agli altri!

4 commenti:

  1. Qualsiasi disagio o malattia, che sia depressione, disturbo da attacchi di panico o disturbo alimentare è sempre la punta dell'iceberg di un malessere profondo, intimo. Per questo un grande passo verso la cura è quello di capire quale sia questo malessere che sfocia poi nel disagio, ma molto spesso non si tratta di una "sola" causa, bensì di tante. Molto spesso una vera e propria causa non si riesce neppure a trovare ... io più mi ci metto e più mi sembra di trovare errori e cose sbagliate in me ... tu salvio come sei riuscito a capire quale fosse il problema che generava il disagio?

    RispondiElimina
  2. Come dici tu sono un insieme di disagi e cause, però prova ad immaginare una grande nuvola che ti sovrasta: è composta da tante piccole nubi! Se riuscissimo a dissolverne anche solo alcune, ci sarebbe qualche spiraglio di luce, ed allora le cose saranno diverse!

    Effettivamente ho dovuto agire su diversi fronti seguito da una brava psicoterapeuta nel ramo cognitivo-comportamentale!

    Spero di aver risposto alla tua domanda! Ciao!

    RispondiElimina
  3. se penso a come x tanti anni ero caduta nel baratro della depressione...nessuno stimolo,pura apatia x tutto,sentivo svariati sintomi,ma ero inerme,come bloccata da grandi catene,poi col tempo ho preso consapevolezza di cio'che mi stava accadendo,le miei emozioni,i miei pensieri,le mie reazioni,fin anche il mio dormire era impermeato di mal di vivere,è vero spesso la causa non è unica,bisogna agire come diceva salvio su vari fronti,e smettere di essere severi con se stessi,il passato ormai non lo si puo'cambiare,ma abbiamo l'opportunita'del presente,del futuro x far si che le cose cambino in meglio,oggi ho vinto la depressione grazie a dio,e cerco di protendermi verso un percorso sempre piu'libero e consapevole che nonostante tutto la vita merita davvero di essere vissuta appieno e nel miglior modo possibile.

    RispondiElimina
  4. Grazie per aver condiviso il tuo prezioso pensiero!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...