Cerca nel blog

Aforisma del giorno

I DISAGI EMOTIVI CI PARLANO - PARTE II


Come promesso eccoci al secondo appuntamento della serie "I disagi emotivi ci parlano".

Questa volta ci concentreremo su ciò che l'ansia e la fobia sociale ci dicono.

L'ansia potrebbe dirti che ci sono dei sentimenti di minaccia e incompletezza:

 
  • Minaccia. Ti puoi sentire minacciato dalle continue paure che provengono da aspettative tue o degli altri con il timore di 'deludere'. Oppure ti potresti sentire minacciato dalle responsabilità per paura di sbagliare.
  • Incompletezza. Ti puoi sentire mancante in diversi campi, compresi quelli del carattere e potresti tendere ad avere un atteggiamento narcisista per 'mascherare' questa mancanza che senti. Forse ti atteggi ad essere 'brillante' in ogni occasione, ma ciò serve solo da scudo per non far risaltare le tue debolezze. Tra l'altro le persone insicure tendono a dire in continuazione battute proprio per evitare di parlare di sé (naturalmente questo atteggiamento è inconscio).
Mettiti comodo e medita su queste domande che puoi farti per analizzare questi sentimenti:
  • Cosa si aspettano gli altri da me? Pretendono cose irraggiungibili?
  • Perché faccio decidere alle altre persone la mia vita?
  • Come posso mostrare la mia vera personalità con i suoi alti e bassi?
  • Il fatto che sopravvaluto gli altri è un riflesso del mio senso di incompletezza?
Naturalmente far riaffiorare la propria personalità non significa sentirci autorizzati a fare o dire qualsiasi cosa ci venga in mente, piuttosto accettarsi per quello che si è né più né meno di come fanno anche tutti gli altri (perché tutti abbiamo difetti).

Chi soffre di fobia sociale non si sente a proprio agio (in maniera piuttosto pesante) con persone che non conosce. Non è molto dissimile dai disturbi d'ansia, però puoi farti ulteriori domande:
  • Di cosa ho paura?
  • Perché mi sembra che le altre persone debbano giudicarmi categoricamente?
  • In quale momento sono apparsi i primi sintomi?
La risposta a queste domande sono illuminanti e indirizzano i nostri passi verso la guarigione.

Se anche tu scrivi come hai vinto un disagio potrai essere utile agli altri! Commenta pure liberamente!


4 commenti:

  1. E' sempre difficile capire da cosa ci stanno mettendo in guardia i disagi emotivi, specie gli attacchi di ansia o panico, soprattutto perchè ci colgono in momenti apparentemente tranquilli e spensierati. Credo che imparare ad ascoltare il panico sia il primo grande passo verso la guarigione.

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo Isibéal, ed anche porsi delle domande è d'aiuto!

    RispondiElimina
  3. si Isibeal imparare ad ascoltare il panico...e soprattutto non averne piu' paura...non fuggirne,ascoltarlo x me che ne ho sofferto ha significato iniziando a fare un percorso interiore non piu'con una introspezione "malata",cioè non sono capace,sono un fallito etc etc,ma dirmi ok dentro me ho qualcosa che non va ne prendo atto,cerco di capire il xchè di tutto cio',è colpa della mia infanzia?oppure di alcuni traumi subiti???mancanza d'amore e autostima x me stessa?tutte cause plausibili,ma oggi cosa posso fare x uscirne???posso iniziare a capire che il panico non deve piu'farmi paura,lo so è difficile,ma è come vivere in un labirinto e da esso la via d'uscita esiste,la liberta',la gioia,non sono un eroe,uso le forze,le energie che ho disponibili,ma cerco di usarle in positivo,non piu'autodistruttive,esponendomi il piu'possibile alle situazione ansiogene,col tempo facendo cosi'il cervello emotivo si"riabitua"a vivere,si xchè a volte è come se il nostro cervello,le nostre emozioni si siano inceppate come un disco rotto,il panico non sono io,e non significa che dobbiamo rimanerne incatenati a vita,sono pensieri ed emozioni disfunzionali che si sono create in noi,ed è li proprio in quella disfunzione che bisogna agire,ed io di vivere come da spettatrice mi sono stancata,il panico non deve vivere x me,la mente va riabituata a pensare in modo sano e cosi'le emozioni in questo modo si sciolgono quei conflitti interiori che ci attanagliano.

    un caro saluto.

    alessia:-)

    RispondiElimina
  4. Grazie per il sostegno Alessia! Ho apprezzato molto il tuo commento, si vede che hai vissuto gli attacchi di panico sulla tua pelle!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...