Cerca nel blog

Aforisma del giorno

SEI GIU' SENZA MOTIVO?


"Un attimo fa stavo bene ed ora mi sento depresso senza motivo..." 

Hai mai detto o pensato una frase del genere? Vorresti sapere se dietro il tuo calo di umore c'è una motivazione o meno? Continua a leggere...

Innanzi tutto la motivazione c'è sempre! Il fatto di non riuscire a scorgerla è un altro discorso. Occorre però distinguere due cause fondamentali:
  • Cause di origine fisiologiche
  • Cause di origine psicologiche


Cause fisiologiche

Alterazioni fisiche possono incidere sull'umore, persino una leggera indigestione potrebbe essere scambiata per un calo di umore di origine psicologica. Perciò appena avverti un senso di depressione dovresti chiederti: "C'è un origine fisica?" poi passa in rassegna le azioni che hai fatto recentemente tipo:
  • Ho mangiato? Cosa ho mangiato?
  • Ho un pricipio d'influenza?
  • Sono solo stanco?
  • Sono affamato?
  • Inizia il ciclo (per le donne)?
  • Ecc...
L'elenco appena citato è solo un esempio di ciò che a livello fisiologico può influire da un momento all'altro sull'umore. Altre cause fisiologiche più serie potrebbero essere problemi alla tiroide o ormonali in genere. In questi casi occorre fare degli accertamenti.

Cause psicologiche

Le cause psicologiche sono le maggiori responsabili in casi di depressione, ansia e non solo di un semplice calo dell'umore o tristezza. Spesso si ha la sensazione che si passi da uno stato di 'salute' ad uno stato di depressione senza motivazioni, ma non è così. 

All'origine del tuo stato di depressione potrebbero esserci i PAN (Pensieri Automatici Negativi) ovvero dei pensieri di auto-svalutazione che ti fai nel dialogo interiore (quando parli a te stesso). Chi è depresso tende a 'preferire' o selezionare ed 'archiviare' tali pensieri piuttosto che quelli positivi. Ciò influisce direttamente ed in modo negativo sul valore che ci attribuiamo (autostima).

La particolarità dei PAN è che sono appunto 'automatici' e molte volte non riusciamo ad avvertirne il loro passaggio. Da qui nasce il falso ideologico che si è depressi 'senza motivazione'. In realtà i PAN sono molto veloci, quasi impercettibili proprio perché col tempo i nostri 'schemi mentali' ripetuti più e più volte sono divenuti automatici.

Per comprendere bene questo concetto puoi pensare a qualcosa che ti è già capitato altre volte: gli automatismi. A volte non ti sei sorpreso a ripetere una frase, dei gesti, in modo automatico? Ad esempio a mia moglie è capitato, per un certo periodo di tempo, di cantare sempre lo stesso motivetto ad un ora stabilita della giornata e quando se ne è accorta è rimasta veramente sbalordita. 

Oppure ti sarà capitato di fare una serie di movimenti in automatico e solo dopo averli fatti ti rendi conto degli automatismi. I pensieri seguono lo stesso corso, quando li ripetiamo più volte ad un certo punto diventano automatici e non li 'percepiamo' più.

Come hai  visto quindi c'è sempre un motivo perché ci sentiamo depressi, ansiosi o semplicemente giù di corda. Prova a monitorare i tuoi pensieri per una settimana e ti renderai conto dei tuoi automatismi.

Tu cosa ti dici nel dialogo interiore? Commenta pure, mi raccomando così sarai d'utilità al blog!

4 commenti:

  1. Ciao a tutti, Salvio trovo molto interessante l'argomento, voglio provare a monitorare i miei pensieri, ma una volta individuato l'automatismo è possibile imporci un modo di pensare differente? Io ho già provato ad incanalare i pensieri negativi con dei buoni risultati ma non riesco ad eliminarli del tutto, diciamo che è diventata una convivenza col pensiero negativo,certo molto più accettabile della sofferenza causata dalla depressione,mi accontento anche di questo,anche se credo di essere lontano dalla guarigione....Ciao a tutti, ciao Salvio e grazie!

    RispondiElimina
  2. Ciao Bid Mik!
    La tua domanda è molto interessante! Effettivamente dopo aver monitorato i PAN esiste un modo per 'imporci' un modo di pensare differente.

    La tecnica a grandi linee consiste nel contrastare i PAN con pensieri funzionali attraverso esercizi specifici che spiego nel mio ebook 'Al di la delladepressione'. Non posso spiegarti tutto in questo post perchè ci vorrebbero giorni interi.

    A beneficio di tutti i lettori del blog ecco il link per scaricare il mio ebook e leggere tutte le informazioni necessarie:

    http://www.salviocorelli.com/Presentazione.html

    Grazie per il commento Bid Mik! Ciao!

    RispondiElimina
  3. ciaooo salvio...trovo molto interessante l'argomento sulla depressione, anche perchè io sto passando un periodo di depressione in questo periodo, ma nn riesco a capire il motivo...Ti dico solo che è iniziata quando mercoledi scorso ho visto un film in tv e ci stavano due attori miei preferiti (un attore e un attrice) nel senso che mi piacciono come recitano e nn per altro...sta di fatto che questo film mi è piaciuto molto, e da quel giorno li non faccio altro che vedermi le scene su internet che mi sono piaciute di piu tutti i giorni...so che puo' sembrare una cosa anomala e stupida, ma volevo sapere tu cosa ne pensavi...non mi era mai capitata una cosa del genere...

    RispondiElimina
  4. Ciao! Il fenomeno è stato analizzato da Cristel Russell, professore di marketing alla American University di Washington, che lo ha chiamato ’re-consumption’, sembra che rivedere gli stessi films o rileggere gli stessi libri ci rassicurino.

    Nello specifico soddisfano 5 necessità psicologiche:regressiva, progressiva, ricostruttiva, relazionale e riflessiva.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...